Sei un editore? Promuovi i libri dei tuoi autori

Libri in evidenza

ARTICOLI

Del primato dell'organismo sul sistema

In risposta all’articolo “Sul primato dell’algoritmo sull’esperienza” (https://www.pensierofilosofico.it/articolo/SUL-PRIMATO-DELLALGORITMO-SULLESPERIENZA/194/)), osservo che Achille in effetti supera la tartaruga, così come “la torta fatta da nostra madre” è senza ogni dubbio “più buona e meglio preparata rispetto alla stessa torta preparata da noi che disponiamo solo della ricetta e degli ingredienti, ma che non ci siamo mai cimentati” a fare (cito dall’articolo, ma il corsivo è mio).

Fortunatamente, mentre per risolvere il paradosso di Zenone ci sono voluti secoli di riflessioni e il calcolo differenziale, qui bastano meno tempo e il pensiero filosofico: distinguendo tra un procedimento algoritmico (discontinuo, discreto, quantitativo) e un procedimento fondato sull’esperienza (continuo, organico, qualitativo) possiamo infatti mettere in evidenza una differenza ai nostri giorni assolutamente cruciale, quella tra “sistema” e “organismo”.

Nostra madre procede culturalmente, secondo esperienza (e non solo la sua), dunque organicamente, per tentativi intelligenti (proprio come le radici esplorano il terreno sottostante la superficie, si scambiano informazioni in una rete incredibilmente complessa e intelligente e - per tentativi e aggiustamenti - procedono nella migliore maniera possibile nell’interesse dell’albero); noi nativi digitali o presunti tali, ben armati di eccellenti algoritmi sulla preparazione della torta, procediamo tecnicamente, sistematicamente, ossia meccanicamente. Essendo molto abili nell’applicazione degli algoritmi stessi, non commettiamo alcun errore e così, preparando la torta perfetta (alla cui ricetta tutti dovranno da ora in poi attenersi) abbiamo realizzato una torta che non è più quella di nostra madre, perché è la torta di tutte le madri e di nessuna di esse. Non essendo più “la stessa torta”, dovremo dunque dichiararci sconfitti: la torta fatta da nostra madre è migliore della nostra versione di quella stessa torta, perché la nostra versione... non c’è.




Aggiunto il 14/07/2020 11:36 da Alberto Cassone

Argomento: Filosofia della tecnica

Autore: Alberto Cassone



Altri articoli

Simone Weil, il più grande filosofo del novecento
Filosofia del novecento Simone Weil, il più grande filosofo del novecento

Qualche mese fa un giovane critico letterario, piuttosto polemico con le mie opinioni sia politiche che culturali (secondo lui indecifrabili, se non aberranti), mi ha chiesto in conclusione qual è

Savino Spina
Savino Spina 15/05/2015
“Die Sache selbst” - Introduzione al concetto di “Cosa stessa” e al Gewissen nella Fenomenologia dello Spirito
Filosofia morale “Die Sache selbst” - Introduzione al concetto di “Cosa stessa” e al Gewissen nella Fenomenologia dello Spirito

    “La gemma scompare quando sboccia il fiore, e si potr

Serena Canè
Serena Canè 16/11/2017
ARTICOLO SUL SAGGIO THE GREEK LAW AND THE FAMILY (EVA CANTARELLA)
Altro ARTICOLO SUL SAGGIO THE GREEK LAW AND THE FAMILY (EVA CANTARELLA)

ARTICOLO SUL SAGGIO THE GREEK LAW AND THE FAMILY (EVA CANTARELLA) di Davide Orlandi INTRODUZIONE

Davide Orlandi
Davide Orlandi 01/08/2017