Sei un editore? Promuovi i libri dei tuoi autori

Libri in evidenza

Vedi tutti
ARTICOLI

Oggettività e realismo. L'ultima impresa della verità

Il tema del secondo fascicolo di Nóema prende spunto da una citazione di Bergson che è già stata oggetto di un’iniziale riflessione nella rubrica “Note e commenti” del primo fascicolo della rivista, dedicato al luogo pubblico della filosofia. Autore della citazione è Rocco Ronchi, nel suo ultimo libro Bergson.
Una sintesi, Christian Marinotti, Milano 2011. «Tornano alla mente – egli scrive – le parole con cui Bergson, nel quarto e ultimo capitolo di Matière et mémoire, definiva il compito della filosofia, in quanto scienza della verità: “Bisogna tentare un’ultima impresa. Andare a cercare l’esperienza alla sua fonte, o piuttosto al di sopra di quella svolta (tournant) decisiva in cui, flettendosi nel senso della nostra utilità, diviene propriamente esperienza umana”» (p.119). Dobbiamo fare un esperimento con la verità, aveva detto Nietzsche, ovvero dobbiamo fare della verità un esperimento. Nóema vorrebbe aprire uno spazio di lavoro relativo allo stimolo e alla proposta suggeriti dall’impresa estrema che riguarderebbe il senso di verità della pratica filosofica. Possiamo ancora pensarla come “scienza della verità”? In che senso “scienza” e in quale rapporto con la verità della scienza? Come rispondono a queste domande le correnti fenomenologiche ed ermeneutiche, del neo-pragmatismo e del cosiddetto pensiero post-moderno? Come si rapportano alle molto attuali proposte di un pensiero neo-ontologico, sostenitore di tesi francamente “realistiche”? E come queste tesi avvalorano le loro posizioni in proposito? Che è insomma verità, e verità “oggettiva”, per la filosofia? E perché infine, e in che senso, riservare in filosofia un valore prioritario alla verità? Sono solo alcune domande, atte magari a suggerirne altre e, sul loro filo, a sollecitare risposte, per poi riflettere insieme nello spirito di quella comunità cui, come studiosi di filosofia, apparteniamo: come amici, e in quanto “amici della verità”, si diceva una volta.



Aggiunto il 19/03/2012 23:51 da Admin

Argomento: Filosofia della scienza

Autore: Carlo Sini



Altri articoli

Il cosmo di Escher
Storia della Filosofia Il cosmo di Escher

«L'uomo è incapace di immaginare che in qualche punto al di là delle stelle più lontane nel cielo notturno lo spazio possa avere fine, un limite oltre il quale

Angelo Giubileo
Angelo Giubileo 09/02/2019
Disintossicazione da mimesi. Un percorso nel pensiero di Serge Latouche
Filosofia contemporanea Disintossicazione da mimesi. Un percorso nel pensiero di Serge Latouche

  «Nell’errare, il mestiere del pensiero[1]». Con queste parole Martin

Fabio Dellavalle
Fabio Dellavalle 14/07/2015
Filosofia dell'uomo di strada
Filosofia delle idee Filosofia dell'uomo di strada

La pseudo-scrittura è l’alibi per concludere un processo di svelamento, che so inarrestabile. Liberarmi da ogni inibizione raccontando i miei tormenti e quelli dell’animo umano, attraverso la vi

Savino Spina
Savino Spina 12/05/2015