Contact Google Plus Facebook

Testata
FILOSOFIA IN ITALIA
Votazione media: 0/10

La musica e il potere

barbieri115215641420.jpg
Venerdì 23 marzo proseguono alla Fondazione Collegio San Carlo di Modena (via San Carlo, 5) le lezioni del ciclo dedicato al tema Politica. Istituzioni e società nelle culture dell’Occidente, ideato dal Centro Culturale. L’incontro di venerdì – organizzato in collaborazione con Amici della musica di Modena – si intitola La musica e il potere ed è tenuto da Guido Barbieri, professore di Storia ed estetica della musica presso il Conservatorio Bruno Maderna di Cesena. Conduttore e consulente per i programmi musicali di Radio 3, Barbieri scrive di critica musicale per quotidiani nazionali e riviste specializzate ed è direttore artistico della Società Amici della Musica “Guido Michelli” di Ancona. Collabora stabilmente con le maggiori istituzioni musicali italiane (Teatro La Fenice di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Palermo) e svolge un’intensa attività organizzativa in campo concertistico e drammaturgico, componendo testi teatrali e libretti d’opera. Oltre ad essersi occupato di Haendel e Mozart, ha collaborato al primo volume dell’Enciclopedia delle arti contemporanee, curata da Achille Bonito Oliva, e alla Grande storia della musica classica pubblicata dal Gruppo Editoriale L’Espresso.

Da sempre la musica d’arte ha intessuto relazioni complesse con il potere e le sue varie forme (civile, religioso, militare ed economico), ma nel tempo questo rapporto ha subito profonde trasformazioni. Nel IX secolo, ad esempio, in piena epoca carolingia, il canto cristiano si affida alla scrittura, diventando lo strumento principale dell’unificazione politica del Sacro Romano Impero. All’epoca dei trovatori, nell’Occitania dell’anno Mille, la poesia per musica è invece la voce del castello, ossia del centro di governo del territorio. Nel Quattrocento, la “cappella alta”, istituita da tutte le signorie dominanti, rappresenta lo stendardo sonoro che il principe fa sventolare all’esterno del palazzo per mostrare tutto il suo potere. Gli esempi potrebbero proseguire. L’apertura del primo teatro d’opera a pagamento, a Venezia, nel 1637, è la conseguenza del nuovo potere economico acquisito dalla borghesia commerciale veneziana. Rari, rarissimi sono i casi in cui la musica “colta”, almeno fino all’inizio dell’Ottocento, assume un ruolo antagonista rispetto al potere. Naturalmente tutto cambia quando in epoca moderna i tre esponenti più illustri del classicismo viennese, Haydn, Mozart e Beethoven, preceduti a Londra da Haendel, abbandonano uno dopo l’altro il rapporto di dipendenza con i loro rispettivi principi e mecenati e acquistano una nuova identità sociale, quella del musicista “libero”, che si misura e si scontra con un potere astratto e invisibile: il mercato. Una relazione ovviamente conflittuale – spiega Barbieri che in Beethoven assume però una connotazione nuova e radicale. La musica diventa, infatti, un veicolo di pensiero e dunque acquista una funzione potenzialmente “rivoluzionaria”. Nel Novecento il rapporto del compositore con il potere politico e con le sue ideologie diviene diretta, senza mediazioni e senza protezioni. Il Terzo Reich in Germania, il regime fascista in Italia e la dittatura stalinista in Unione Sovietica – prosegue Barbieri impongono ai musicisti condizionamenti e censure. E l’unica via di scampo è l’esilio.

La conferenza si tiene nel Teatro della Fondazione, con inizio previsto alle ore 17,30. L’incontro sarà trasmesso anche in diretta web collegandosi al sito www.fondazionesancarlo.it. La conferenza, come tutte le altre del ciclo, sarà inserita nell’archivio conferenze presente sullo stesso sito, dove sarà accessibile gratuitamente. A richiesta si rilasciano attestati di partecipazione.

 

Paola Ferrari, ufficio stampa FSC paola@paolaferrari.it   -  www.fondazionesancarlo.it


Aggiunto il 20/03/2018 17:42 da Paola Ferrari

Disciplina: Filosofia contemporanea

Autore: Paola Ferrari



Condividi