Contact Google Plus Facebook

Testata
LIBRI
Votazione media: 0/10

Nulla religioso e imperativo dell'eterno

caracc15166012905.jpg

I dieci saggi di Alberto Caracciolo contenuti in “Nulla religioso e imperativo dell’eterno” rivelano una ricerca speculativa di straordinaria profondità etico-filosofica, che non manca di alimentarsi ed approfondirsi nella “catarsi poetica”. Oltre che con Platone, Agostino, Kant, Nietzsche, Heidegger e con il prediletto Jaspers, l’autore apre qui un dialogo proficuo ed intenso anche con Leopardi e Keats. Infatti, il “Nulla religioso” è quello «spazio trascendentale del religioso che è e opera nell’uomo solo concretandosi in immagini o pensieri», ed è per questo motivo che «non possono non soccorrere qui gli ‘interminati spazi’, ‘i sovrumani silenzi’, la ‘profondissima quiete’ dell’ ‘Infinito’. Uno dei temi portanti che rende preziose queste pagine è quello, ad esempio, del rapporto tra l’eterno e l’immortalità: «l’idea dell’immortalità acquista verità, quando da idea di durata infinita oltre la morte si fa appunto idea (cifra, in linguaggio jaspersiano) di eternità presente».
Si tratta di una meditata, profonda e originale ricerca dell’Assoluto, ossia proprio su ciò che è e resta, nonostante il relativismo e il ‘debolismo’ filosofico così ‘à la page’ nel panorama odierno, l’ineludibile tema e ambito di un filosofare che non intenda venir meno a se stesso.

Aggiunto il 22/01/2018 07:08 da Alfio Fantinel

Disciplina: Filosofia contemporanea

Pagine: 219

Edizione: Il Nuovo Melangolo

Scritto da: Alberto Caracciolo

Lingua: Italiano

Costo: 20,00 €

Casa editrice: Il Nuovo Melangolo

ISBN: 978-88-7018-788-5



Condividi